Notizie

Gruppo

L’evoluzione di Minebea Intec nel campo delle selezionatrici ponderali: quando l'alta velocità incontra la precisione

Grazie alla nuova cella di carico WZED con tecnologia di compensazione della forza elettromagnetica sviluppata da Minebea Intec, le nostre selezionatrici ponderali hanno inserito il turbo: la nuova cella di carico con controllore digitale ha ottenuto l’approvazione MID per l’uso commerciale con una velocità nastro fino a 3 metri al secondo, vale a dire fino a 600 pezzi al minuto. Il pacchetto di aggiornamento contiene molte altre funzionalità che ripagano gli utenti di applicazioni ad alta velocità.

Minebea Intec leader nella fornitura di soluzioni di pesatura e ispezione, Minebea Intec lavora incessantemente per migliorare anche i prodotti già esistenti. Con questo aggiornamento, che apre la strada a una nuova generazione di celle di carico, l’azienda ha realizzato un pacchetto completo di funzioni, che in futuro sarà integrato in tutti i modelli di selezionatrici ponderali verificabili che utilizzano una cella di carico ad alta precisione con compensazione della forza elettromagnetica.

L’aggiornamento che ottimizza l’efficienza nelle operazioni di controllo del peso

L’aggiornamento unisce tre funzioni in una: la nuova cella di carico WZED con compensazione della forza elettromagnetica ed elettronica ad alta velocità integrata con controllore digitale. I vantaggi per il cliente sono dunque molti e vari: ad esempio, il nuovo sensore di pesatura abbinato al controllore digitale garantisce più affidabilità e maggior precisione. Il sensore, inoltre, consente di verificare anche pesi estremamente piccoli: è infatti possibile pesare prodotti anche di cinque grammi rispettando tutti gli standard previsti.

Velocità di pesatura più elevata e maggior precisione non sono tuttavia i soli vantaggi, il controllore digitale è anche meno suscettibile a fattori di disturbo quali temperatura, umidità e correnti d’aria. Le selezionatrici ponderali omologate per l’uso commerciale e dotate di questa nuova cella di carico sono particolarmente indicate per la pesatura dinamica di prodotti con peso ridotto, come ad esempio la produzione dolciaria o di merci confezionate in barattoli. E per altri settori come prodotti farmaceutici, chimici o cosmetici, il peso minimo ridotto, insieme alle velocità nastro più elevate si trasforma in un incremento di efficienza e resa. Le selezionatrici ponderali di Minebea Intec sono estremamente precise e garantiscono un controllo sicuro per svariate applicazioni di pesatura, controlli di completezza e ottimizzazione dei processi di riempimento, consentendo così ai clienti di migliorare la propria produttività ed efficienza.

L’approvazione MID dà il via libera alla pesatura ad alta velocità

Avendo ottenuto la certificazione MID (Measuring Instruments Directive) per l’omologazione all’uso commerciale, la cella di carico WZED è certificata per velocità nastro fino a 3 metri al secondo, il che vuol dire poter elaborare 600 pezzi al minuto.

La nuova elettronica integrata nell’alloggiamento della nuova cella di carico WZED occupa meno spazio e al tempo stesso è più facile da pulire, come previsto dagli standard del design igienico. Il nuovo alloggiamento semplifica le operazioni di installazione e agevola l’accesso alla cella di carico per interventi di manutenzione

In un primo momento, questo aggiornamento interesserà tutte le attuali serie di selezionatrici ponderali Minebea Intec. Questo, tuttavia, è solo l’inizio: “L’aggiornamento WZED è la dimostrazione di come Minebea Intec cerchi sempre di ottenere il massimo da ogni applicazione. Le nostre selezionatrici ponderali con tecnologia di pesatura EMFC si sono sempre contraddistinte per l’altissima precisione e affidabilità, ma con l’integrazione del componente WZED scriviamo un nuovo capitolo,” sostiene la Product Manager Sara Vivanco. “Stiamo valutando di rendere disponibile in futuro la nuova cella di carico anche per i produttori di apparecchiature. La varietà di interfacce disponibili fa sì che WZED possa un domani facilmente integrarsi negli impianti già esistenti.” Vivanco anticipa come potrà essere interessante il futuro.

Torna a Panoramica